Loading...
BABELEBABELE

Carmen Pellegrino

Nata a Polla nel 1977, storica e scrittrice, ha concentrato in un primo momento i suoi studi sui movimenti collettivi di dissidenza (come in “’68 napoletano. Lotte studentesche e conflitti sociali tra conservatorismo e utopie”, 2008), e successivamente ha indirizzato le sue ricerche sul  razzismo, l’esclusione sociale e le condizioni di sfruttamento dei migranti (nel saggio “Le ore della mia giornata”, pubblicato nell’antologia  “Qui si chiama fatica: storie, racconti e reportage dal mondo del lavoro”, 2010, vincitore del premio reportage Napoli Monitor). Coautrice di varie opere collettanee  (“Strozzateci tutti”, 2010; “Novantadue”, 2012), nel 2011 ha curato con Cristina Zagaria il volume “Non è un paese per donne: racconti di straordinaria normalità”, in cui ha pubblicato un saggio su Matilde Sorrentino. Da qualche anno si occupa di luoghi abbandonati che visita, fotografa e poi condivide sulla sua frequentatissima pagina Facebook, dove i lettori appassionati le segnalano altri luoghi perduti. Tutto ciò da un lato le è valsa la definizione di “abbandonologa”, dall’altro le è stato di ispirazione per il suo primo romanzo, “Cade la terra” (Giunti), ambientato proprio in un borgo abbandonato su un territorio che frana.

Altri Ospiti

Newsletter

Iscriviti alle newsletter per restare sempre aggiornato sulle nuove attività del Comune di Padova.